Io, Valeria e Mario

La mattina successiva io mando un whatsapp sia a Tiziano che a Mario dicendo che non posso andare al capanno.

Loro non rispondono, forse hanno capito che al momento la mia attenzione è rivolta verso Valeria.

Valeria e ripenso ai suoi seni che avrò l’occasione di vedere e toccare tra qualche ora quando lei mi manderà il messaggio di via libera.

Sono un poco sconvolta per questa svolta lesbo anche se sono convinta che mi piacciono ancora moltissimo gli uomini.

Vado a fare la passeggiata facendo però un altro giro in modo da non passare da vicino il capanno.

Sto tornando a casa e mi arriva un whatsapp di Valeria se posso andare subito e io le rispondo che debbo tornare a casa perché debbo aspettare che mio marito esca per il lavoro.

Lei è un po’ dispiaciuta come mi scrive, ma mi risponde che va bene.

Io torno a casa, mio marito si alza, deve fare la doccia così potrò uscire di casa alle 8 e 30 invece che alle 8 come pensavo.

Alle 8 e 30 mi metto in strada in tuta con sotto dell’ intimo molto carino, che spero , piaccia a Valeria.

Arrivo a casa sua, lei è in vestaglietta, sotto è nuda perché fa capolino sia un seno nudo che la sua fica.

Lei mi prende una mano e se la mette al seno mentre camminiamo per andare in camera da letto.

Lì mi spoglia in maniera rapida, mi guarda il completino intimo e mi dice che è davvero sexy, ma che non vede l’ora di rivedermi nuda.

Lei me lo toglie e ci troviamo nude davanti all’armadio che è specchiato così ci baciamo e con la coda dell’occhio ci possiamo guardare.

Lei mi porta sopra il letto che è proprio davanti all’armadio e mi dice che lei e il marito avevano scelto quell’armadio per potersi guardarsi mentre facevano sesso.

Valeria mi fa mettere in ginocchio e si mette a masturbarmi mentre mi dice di guardarmi mentre sto venendo.

Io lo faccio, non mi è mai successo e vengo di brutto e le dico che ora voglio farlo a lei e toccarle i seni che adoro.

Lei si mette davanti allo specchio io la masturbo e contemporaneamente le titillo i capezzoli, le stringo i seni e mi dice che la faccio sentire bella cosa che con il marito ormai non le capita più.

Io arrossisco, ma lei mi dice di non preoccuparmi che non ce l’ha con me, se Mario è venuto a letto con me, anzi le piacerebbe fare un incontro a tre.

Io le dico che ci debbo pensare, lei mi risponde che c’è di male, considerato che ad es. sono andata a letto con due uomini.

Io le rispondo che debbo pensarci, anche perché dico a Valeria che deve considerare che il marito magari non prenderà bene quella proposta.

Lei mi ribatte che Mario ha sempre avuto il sogno di farlo con due donne e cosa di meglio che farlo con due donne complici e che amano fare sesso tra di loro?

Io non rispondo dico che voglio fare l’amore con lei, che ci penserò e che ora voglio solo godere come non mai.

Valeria tira fuori un dildo enorme e me lo infila nella fica, all’inizio urlo perché mi fa un po’ male, poi gradualmente mi abituo finché non ho il primo orgasmo, seguito da innumerevoli altri.

Valeria vuole che glielo infili io, vuole provare la differenza rispetto a quando lo usa da sola.

Io lo faccio, lei mi dice di fare più rapidamente, di non preoccuparmi che non si farà male e inizia a godere come una cagna in calore.

Siamo lì a godere e non ci accorgiamo che non siamo più sole in camera, in quanto è entrato Mario.

Mario che in maniera silenziosa ci guarda e si sta segando.

Sono io a vederlo per primo, gli faccio cenno di avvicinarsi e lui senza dirmi nulla mi mette il cazzo in bocca da succhiare.

Valeria non dice nulla, è un po’ arrabbiata perché Mario non ha dato il cazzo a lei e mi dice di darci dentro con il dildo così da farla godere di più.

Io non posso rispondere, ma eseguo l’ordine finché non posso che concentrarmi solo sul cazzo di Mario perché sta sborrando e devo ingoiare.

Mario è soddisfatto e mi dice di ripurirgli il cazzo con la lingua e così faccio mentre Valeria ha preso a guardarci e si sta masturbando.

Mario ci dice che siamo delle birichine, ma lui lo sa che ci piace il cazzo.

Valeria gli ribatte che non ama più il suo cazzo e che ama infinitamente la mia fica.

I due si mettono a litigare, io non so che fare, visto che, sono un pessimo paciere.

Allora, io decido di vestirmi sia pure a malincuore perché avrei ancora voglia e faccio un cenno ai due che continuano a urlare ad alta voce.

Torno a casa un po’ rattristata.

Dopo ore mando un whattsapp a Valeria che mi risponde dopo ore dicendo che ha trascorso la giornata a letto con suo marito, cosa che non accedeva da moltissimi anni.

Io dico che sono contenta per loro, ma lei mi dice che questo non cambia le cose tra noi e mi dà appuntamento per l’indomani mattina appena mi libero da mio marito.

Io le rispondo che sono felice e che non vedo l’ora di rivederla e le mando una foto della mia fica bagnata.

Lei mi manda una foto dei suoi seni e io mi metto a masturbarmi guardandoli.

Viene l’ora di cena, poi al solito mi addormento presto, non vedendo l’ora di essere alla mattina seguente con Valeria.

💥 CONTINUA A LEGGERE 💥