Una scelta sofferta

La mattina seguente Daniele era parecchio nervoso e anche Marika che non aveva praticamente dormito.

I due non fecero sesso, ma discussero e alla fine Marika disse a Daniele che gli concedeva di andare a letto con Orsetta.

Lui rimase male per questo discorso, ma d’altronde era impensabile che Marika parlasse del ricatto a suo marito.

Marito che ormai amava ben poco però non voleva passare dalla sua casa a quella di Daniele. Marika era davvero confusa e gelosa se Daniele fosse andato a letto con Orsetta.

L’alternativa sarebbe stata: dire al marito della sua relazione e lei sapeva che Carlo l’avrebbe buttata fuori di casa, senza se e senza ma.

Daniele andò a scuola e Marika ritornò a casa, dove Orsetta le fece segno che voleva parlarle.

Orsetta esordì dicendo che Pietro era molto bravo a letto e voleva sapere se lo fosse anche Daniele.

Marika avrebbe voluto urlare e risponderle male, ma le disse che Daniele era bravo a letto, certo non sapeva se suo fratello lo fosse di più.

Orsetta le disse cosa le aveva fatto Pietro e Marika capì che lui era più maiale di Daniele.

Marika rispose che certe cose Daniele non l’aveva fatte e Orsetta rimase delusa.

La prima tornò a casa propria turbata perché si rendeva conto che Orsetta forse di proposito, le aveva fatto venire voglia di fare sesso con Pietro.

Marika si disse che non conosceva Pietro, che magari era uno stronzo rispetto a Daniele, che aveva un bel carattere.

Marika era lì che si dibatteva quando alla sua porta si presentò Daniele, che aveva un non so che di diverso.

Infatti, lui si presentò dicendo di essere Pietro e che voleva conoscere la donna di cui si era finalmente invaghito dopo anni di solitudine suo fratello.

Pietro si avvicinò a lei, la guardò intensamente e lei arrossì vistosamente.

Lui repentinamente la baciò e lei non capì più nulla, si lasciò andare, lui la prese in braccio e la portò a letto, dove fu trattata in modo un po’ rude, ma godette moltissimo in posizioni che non aveva mai sperimentato, come l’anale, lei sopra messa di schiena, a cucchiaio, su una sedia.

Pietro era un uomo che sapeva quello che voleva e se lo prendeva senza nessuna remora.

Il tempo passò, lei non capiva davvero più nulla, era in un turbine di nuove sensazioni e di passione e solo per miracolo, il marito non li trovò a letto.

Pietro prima di andarsene la baciò ancora e le disse che da quel momento sarebbe stata la sua donna e che doveva lasciare suo fratello senza dirgli di lui.

Marika gli rispose che era un bel prepotente e lui le domandò se non avesse mai goduto così tanto e lei rispose che era stato il migliore sesso della sua vita, anche se si era sentita trattata un po’ da puttana, cosa che non le piaceva molto, ma che faceva andare la sua autostima sotto i piedi.

Pietro le rispose che se ne fregava della sua autostima, lui voleva il suo corpo, la sua anima.

Marika rispose che ci avrebbe pensato perché aveva paura di cosa avrebbe pensato Daniele, che inevitabilmente sarebbe venuto a sapere di suo fratello e lei.

Marika era così inebetita che non mandò alcun messaggio a Daniele e non sapeva se avesse deciso di andare a letto con Orsetta.

Lei ormai non era preoccupata per quello, ma di dovergli dire di suo fratello e sapeva che non l’avrebbe presa bene.

L’avrebbe trattata sicuramente come una di quelle.

Venne l’ora di andare a letto, ma si addormentò solo in prossimità della sveglia.

Andò all’appuntamento con Daniele, ma lui non si presentò, lei gli mandò un messaggio e lui rispose che aveva saputo di suo fratello e che poteva andare a quel paese.

Marika se l’aspettava, ma si mise a piangere, pensando che non sapeva davvero, se avesse scelto il migliore tra i due fratelli.

💥 CONTINUA A LEGGERE 💥